Scientia Group Italia


 

progetti - projects

energia - energy

brevetti - patents

Ecclesia-nova

Innovativa


 

 
Ricerca nel sito:

 

 


 Nome Utente
 
 Password
 

 
Password dimenticata?

 

 



Riflessioni sui candelieri votivi led

 

Una gestione più oculata e la tutela delle opere esposte in Chiesa, suggerisce il ricorso ai candelieri votivi led.

Questi a volte determinano un impatto freddo sui fedeli, per la loro staticità (i tubi sempre alla stessa altezza seppure spenti, bianchi o rossi che siano) e l'emissione luminosa che nulla ha delle candele in cera.

Per ottenere la luce di una candela, luminosa e visibile seppure con consumi elettrici ai minimi, occorrono due led SMD per ciascuna (inaffidabile il singolo doppio led) con un circuito PWM per ottenere la dinamica della luce di una candela tradizionale.

È importante, inoltre, mantenere la gestualità dell'atto religioso, eliminando del tutto la manutenzione, anche la sola ricollocazione delle candele led ed il loro spegnimento evitando del tutto il rischio di furti, anche delle sole candele led

È bene precisare che il consumo energetico di un candeliere è determinato non solo dal consumo dei led ma anche dal trasformatore, che può avere efficienza del 50%, ovvero un consumo doppio del teorico, ed un Power Factor anche molto inferiore allo 0,95 previsto da normativa.

Si ottiene il risultato: Led 2w × 40 candele × 50% efficienza × 12 ore = 2kW = € 0,50


PER LEGGERE E SCRIVERE COMMENTI OCCORRE ESSERE REGISTRATI      < Indietro